L’anteprima nazionale si terrà a Bisceglie domenica 20 dicembre

Domenica 20 dicembre, un dream team di sette chef professionisti, tutti biscegliesi, presenterà in anteprima nazionale il libro “Impiatta Puglia”; il volume, edito da De Feudis, è curato dal Dolmen Team Culinary con il contributo del Gal Ponte Lama.

Nella location della pasticceria Saint Peter, alle ore 18:30, scenderà in campo in grande spolvero la squadra degli autori-chef. Carlo Papagni, Domenico Lampedecchia, Giuseppe Frizzale, Mario Musci, Giovanni Lorusso, Vito Losciale, Pantaleo Dell’Olio, tutti coronati dalle inconfondibili berrette bianche, renderanno nota la loro fatica editoriale collettiva. Dopo il successo di “L’appetito vien gustando”, ecco un secondo libro, vero e proprio percorso di sapori rigorosamente made in Puglia.

«Oggi parlare di cucina è di gran moda: lo conferma il proliferare di trasmissioni televisive e riviste dedicate al settore. Il messaggio che il Dolmen Team Culinary vuole divulgare è quello di una cucina vissuta come arte e non come moda. Non a caso il team mette in pratica, sostiene e divulga la cucina tradizionale da oltre vent’anni» spiegano gli autori del volume.

«Nel testo si esaltano idee e tecniche innovative di presentazione dei piatti e si dà importanza al gusto che infonde il piatto, mettendone in risalto i veri e indiscussi protagonisti: gli ingredienti che lo compongono. Utilizzando materie prime di elevata qualità di cui il nostro territorio è ricco, riusciamo ad esprimere la nostra creatività e professionalità. L’augurio di tutto il team è che le idee espresse in questo libro possano dare nuovi spunti a tutti i nostri colleghi, amici ed appassionati di cucina» concludono.

Il libro riserva anche una sorpresa: chef di fama nazionale hanno profuso i loro contributi in termini di ricette, interpretando dei piatti con la loro idea di Puglia, valorizzando il prodotto pugliese. Si sono cimentati in questa operazione nomi importanti: Vito Semeraro, Mario Demuro, Cristina Bowerman, Francesco Gotti, Felice Lo Basso e Heinz Beck.

 

Aurora Marinelli // 18 dicembre 2015